posted by Lisa Duvillard

Lucia
riduce la CO2 comprando frutta e verdura dai Gruppi di Acquisto

In Italia, si sta sviluppando un nuovo modo di comprare cibi prodotti nel rispetto dell'ambiente: il G.A.S : Gruppo di Acquisto Solidale.

Diamo la parola a Lucia, che da 2 anni va a cercare il suo cesto di frutta e verdura in uno dei GAS di Roma.

" All'inizio il GAS mi è stato consigliato da un'amica che, molto attenta all'aspetto "bio" del suo cibo, voleva sapere la provenienza di quello che comprava. Come me.

Non tutti i GAS sono bio, però quello che ho scelto lo è. Pensavo che fosse più costosa della verdura comprata nei supermercati, ma non è così. Infatti, uno dei principali aspetti del GAS è che i prodottori sono locali.  Quindi alleggerisce la mia spesa, e con il kilometro 0, alleggerisce anche le emmissioni di CO2! 

Il principio è di pagare una tariffa annuale, e di ricevere tutte le settimane un cesto. Di solito si puo scegliere fra un cesto a 5 o 10 euro.

E composto di molte varietà di verdura e frutta, e il contenuto cambia secondo le stagioni. Cosi, posso innovare nelle mie ricette e apprezzo molto ricevere consigli culinari degli altri aderenti o adirittura degli agricoltori.

E questo è un aspetto molto importante del GAS : incontrare gli agricoltori in personna. Con il tempo, con alcuni siamo diventati amici, e ogni tanto, nel fine settimana, con altri aderenti andiamo a aiutarli al campo e ci fanno visitare la proprietà.

Oltre alla frutta e alla verdura, si puo anche aggiungere all'abbonamento l'acquisto di uova, carna, pane, formaggio ...  

Con i GAS ho scelto di fare una spesa diversa e di contribuire alla riduzione del 10% di C02!  "